I ritmi di vita sempre più frenetici possono portare a stress, attacchi d’ansia e attacchi di panico. Tutte queste patologie possono essere curate utilizzando una particolare classe di farmaci, le benzodiazepine. Tra questi, il più famoso è senza ombra di dubbio lo xanax, uno degli ansiolitici più utilizzati in tutto il mondo. Molte persone lo chiamano “farmaco maledetto” ma, in realtà, non si tratta né di un farmaco che crea dipendenza né di un farmaco con particolari controindicazioni. È addirittura possibile donare il sangue poche ore dopo averlo assunto. vediamo qualche informazione più nel dettaglio.

Cos’è lo xanax

Si tratta di un farmaco ansiolitico in grado di curare provvisoriamente gli attacchi di ansia e di panico. il suo principio attivo è l’alprazolam, un particolare tipo di benzodiazepina. In alcuni casi di lievi disturbi di ansia, alcuni pazienti possono utilizzare lo xanax per dormire anche se non si tratta prettamente di un sonnifero.

Come funziona

Xanax agisce sul sistema nervoso centrale, inibendo l’eccitazione di alcuni particolari neuroni. Questo può portare non solo al rilassamento dell’individuo che lo assume ma anche a uno stato ipnotico.

Come si presenta

Xanax è disponibile nei formati xanax gocce e xanax compresse, che possono essere a rilascio immediato o a rilascio prolungato. Le prime hanno dosaggi che vanno da 0,5 mg a 3 mg, le seconde da 0,25 mg fino a 1 mg.

Xanax gocce ha invece un dosaggio di 0,75 mg/ml. Il che vuol dire che 10 gocce equivalgono a una compressa da 0,25 mg.

Quando e come va utilizzato

Trattandosi di un farmaco acquistabile solo tramite presentazione della ricetta medica, la posologia deve necessariamente essere indicata dal medico. In generale, per quanto riguarda lo xanax gocce, si consiglia l’assunzione di dieci gocce all’occorrenza o prima di coricarsi. Lo xanax in compresse ha invece un rilascio più graduale e duraturo tanto che molti preferiscono non utilizzarlo durante la giornata ma solo prima di andare a dormire per evitare possibili attacchi di sonno. Lo stesso vale per lo xanax a rilascio immediato, che può arrivare al 90% della sua efficacia anche dopo 30 minuti dall’assunzione.

Xanax controindicazioni

Come tutti gli ansiolitici, anche lo xanax può avere numerosi effetti collaterali. Il più comune è la sonnolenza. Per questo motivo si sconsiglia quasi sempre di utilizzarlo prima di mettersi alla guida o di iniziare l’attività lavorativa.

Sono diverse le condizioni del paziente per le quali non è consigliato l’utilizzo di farmaci contenenti benzodiazepine. Tra queste citiamo glaucoma, epilessia, malattie renali, depressione.

I pazienti anziani o in gravidanza non dovrebbero assumerlo in quanto potrebbero risultare troppo sensibili al suo principio attivo.

In generale la durata di somministrazione non dovrebbe essere più lunga di tre o quattro giorni e non si dovrebbero superare le dosi consigliate.  Benché ci siano ancora pareri contrastanti, lo xanax non è in realtà un farmaco che crea dipendenza. La condizione ipnotica che si raggiunge assumendolo non viene vista dall’organismo come indispensabile e il soggetto, dopo giusto un paio di giorni, non ne sente più la necessità.

Puoi acquistare Xanax su Amazon in offerta qui: